Laboratori2018-10-02T16:43:36+00:00

LE ATTIVITÀ

LABORATORI

Fare vuol dire imparare

Il laboratorio di Informatica è dotato di svariati computer fissi o portatili, dove gli studenti imparano le conoscenze di base e ad utilizzare il pacchetto Office o altri software per meglio approfondire lo studio e la comprensione delle discipline scolastiche.

  • OBIETTIVI: Conoscere gli utilizzi principali del computer, strumento con cui si può scrivere, disegnare, stampare, fare i conti, guardare i film… e non solo giocare.
    Riconoscere le parti del computer e i suoi accessori ed essere in grado di dare un nome ad almeno i componenti principali.
    Essere in grado di posizionarsi autonomamente e in modo corretto per poter lavorare al computer.
    Saper accendere il computer, avviare i programmi e utilizzare in modo elementare, ma efficace, i programmi del pacchetto Microsoft Office.
    Saper utilizzare la fotocamera digitale e la pen drive usb per l’archiviazione dei files personali.
  • METODOLOGIA: Si prevede un prevalente utilizzo del laboratorio preferendo il lavoro a coppie. Ogni nuovo argomento sarà illustrato a voce e poi esercitato sui PC. A fine argomento, vengono presentate agli alunni delle schede cartacee riassuntive di verifica o vengono affidati delle esercitazioni da svolgere direttamente al PC.
  • DESTINATARI: Tutte le classi della Scuola Primaria
  • TEMPI: Intero anno scolastico

Lo studio della lingua spagnola si realizza attraverso progetti della durata di 2 – 4 mesi e di 2 ore settimanali per classe. Partiamo innanzitutto con un approccio ludico e in continua correlazione con l’esperienza quotidiana scolastica ma che coinvolga i bambini emotivamente senza sentire il peso dello studio svolto con le due lingue principali del bilinguismo.

Le lezioni sono principalmente basate sull’ascolto della musica spagnola, ma anche su schede didattiche e piccoli “role plays” che creano un rapporto di complicità tra insegnante e alunni e aiutano questi ultimi alla conoscenza dei paesi ispano-americani e della loro cultura.

OBIETTIVI: sperimentare codici linguistici diversi. Acquisire modelli linguistici legati a contesti d’uso diversi da quelli familiari. Promuovere la conoscenza dei fonemi, dell’intonazione, dei vocaboli, delle espressioni, delle strutture più comuni della Lingua Spagnola. Attivare attività di gruppo per favorire la conoscenza e l’incontro con culture ed esperienze diverse.

METODOLOGIA: nel rispetto della sequenza Comprensione – Assimilazione – Produzione in un continuo rapporto con l’esperienza, l’approccio dei bambini alla lingua sarà ludico e avverrà in situazioni piacevoli e gratificanti.

ATTIVITA: le attività si svolgeranno con l’ausilio di dvd, libri, cd-rom, schede strutturate con immagini e non, attività di ascolto (canzoni, filastrocche, storie), di drammatizzazione (brevi battute, piccoli dialoghi), brevi esecuzioni musicali.

VERIFICHE: saranno svolte verifiche in itinere e finali attraverso attività quali giochi, brevi dialoghi e prove d’ascolto.

DESTINATARI: tutte le classi della Scuola Primaria

TEMPI: intero anno scolastico

Interpretare attraverso la scelta di diversi “temi” la visione delle cose che ci offre la vita. Disegnare e colorare indipendentemente dalla tecnica scelta può significare moltissime cose. Considerandolo nella maniera più classica può significare il riprodurre nel modo più fedele possibile la forma degli oggetti che ci circondano, individuarne le linee caratteristiche, coglierne le sottili sfumature coloristiche di luce e ombra conferendo al nostro soggetto quanta più espressività possiamo. Ma l’obiettivo dell’artista rimane sempre uno: delineare attraverso segni tracciati su un piano gli effetti delle tre dimensioni o ancora più ambiziosamente, dar forma ai sogni, ai desideri, alle pulsioni dell’inconscio.

OBIETTIVI: Stimolare la capacità di osservazione. Coinvolgere l’attenzione sul lavoro di famosi , artisti e scultori. Potenziare le capacità manuali e creative degli alunni. Sperimentare nuove tecniche.

ATTIVITA‘: creazione di lavori a mano libera con strumenti di vario genere. Creazioni di lavori con l’uso di varie tecniche. Creazioni di lavori di gruppo. Allestimento di una mostra durante la festa di fine anno scolastico. Partecipazione al contest in occasione del Children’s Festival.

FINALITA:Promuovere la libera espressione attraverso l’arte. Favorire lo scambio espressivo. Arricchire le conoscenze e le esperienze in campo artistico.

DESTINATARI: tutte le classi della Scuola Primaria

DURATA: Maggio e Giugno

“OSSERVO, SPERIMENTO DUNQUE IMPARO”

Il progetto trae origine dalla necessità di avviare gli alunni a mettere in pratica le conoscenze acquisite durante il percorso di scienze e ad acquisire conoscenze attraverso canali diversi dall’esposizione dell’insegnante, con un laboratorio che aiuti a costruire la conoscenza scientifica del mondo attraverso un metodo di indagine fondato sull’osservazione dei fatti e sulla loro interpretazione, attraverso un coinvolgimento diretto degli alunni incoraggiandoli a porre domande sui fenomeni e le cose, progettare esperimenti/esplorazioni seguendo ipotesi di lavoro e a costruire modelli. Il progetto si propone di far conoscere ed apprezzare agli alunni , mediante alcuni esperimenti di tipo laboratoriale, la realtà attraverso lo studio di fenomeni che riguardano: aria, acqua, suolo, organismi.

Il laboratorio musicale si pone come obiettivo quello di educare e sensibilizzare il bambino alla musica.

La musica offre infatti la possibilità di esprimere le proprie emozioni, di comunicare con gli altri, di stimolare l’immaginazione e la creatività, di ascoltare e socializzare attraverso il linguaggio proprio dei suoni e agisce positivamente sull’attenzione, concentrazione, ascolto e quindi sulla capacità di apprendimento.
L’educazione al suono e alla musica è dunque un progetto globale che investe il bambino partendo dalle sue esperienze motorie, percettive, ritmiche, vocali, per portarlo all’acquisizione del linguaggio musicale arrivando alla graduale formazione di concetti.

Il progetto parte da un’idea semplice: la musica si impara facendola e non estraendola. Iniziare a scrivere le note sul pentagramma non significa imparare la musica ma abituarsi a codificarla, iniziare a valle anziché a monte.
La musica si impara vivendola fisicamente ed emotivamente , cosi che essa contribuisca alla crescita come individui, attraverso un’ esperienza creativa che coinvolga tutto ciò che alla musica può essere inerente: il movimento, il corpo, il canto

  ATTIVITÀ

  ORARI DI APERTURA

Lunedì – Venerdì8:00 – 17:30
DomenicaChiuso

  +39 081 5091290

  info@newgreengarden.it

  DOVE SIAMO